Super User
16/07/17

L'Osteopatia nella sfera sessuale femminile

L’Osteopatia attribuisce grande importanza alla mobilità delle strutture del corpo umano in quanto la riduzione di essa produce alterazioni e disturbi più o meno gravi delle varie funzioni.

All’interno del bacino osseo convivono diverse strutture; organi, muscoli, vasi sanguigni e linfatici, rami nervosi i quali, mediante il tessuto connettivo che li avvolge, cooperano per garantire lo svolgimento fisiologico delle funzioni escretorie, sessuali e riproduttive.

Il mantenimento della corretta mobilità di organi come ad esempio l’Utero o la Vescica dipende dunque da molti fattori, fra i più importanti:

  • Il buon bilanciamento delle pressioni toraciche, addominali e pelviche
  • Il mantenimento del tono delle pareti muscolari e di una buona elasticità “articolare” degli organi
  • Il corretto scorrimento fluidico (nutrimento arterioso, drenaggio venoso e linfatico) e il fisiologico funzionamento dell’impulso nervoso

Il Bilanciamento delle pressioni:

Il funzionamento di un apparato è in stretta relazione all’ambiente che lo circonda. L’ equilibrio dinamico che esiste fra la pressione interna di un organo e la pressione esterna ad esso è fondamentale e dipende dal movimento dei diaframmi toraco-addominale e pelvico e dalla loro escursione sincrona durante l’atto respiratorio. Asimmetrie e restrizioni diaframmatiche creano anomalie pressorie all’interno delle cavità.

 

Tono muscolare ed elasticità fasciale e legamentosa:

Mantenere una buona tonicità senza sviluppare contratture muscolari è molto importante in particolare per i muscoli addominali e per il pavimento pelvico che sono deputati al sostegno dei visceri addominali e della pelvi. Una condizione ipotonica di queste pareti muscolari provoca prolassi e conseguenti disfunzioni. Di fondamentale importanza nella mobilità degli organi è il trofismo del tessuto connettivo, che mediante fasce e ispessimenti legamentosi crea delle vere e proprie “articolazioni viscerali”. Ciò ha la funzione di proteggere gli apparati, collegarli (fra loro e con lo scheletro), garantire il loro nutrimento e anche di veicolare il fisiologico movimento che ogni organo deve compiere all’interno della sua loggia. Queste fasce connettivali vanno spesso incontro a disfunzioni, fissazioni e aderenze che l’Osteopata è in grado di individuare e correggere.

 

Scorrimento fluidico e sistema nervoso:

All’interno delle fasce di rivestimento connettivali decorrono vasi sanguigni e nervi, che si occupano del nutrimento, del drenaggio e dell’attività intrinseca dell’organo. E’ importante mantenere queste strutture libere da ristagni, compressioni e imbrigliamenti. Il varicocele femminile ad esempio è una delle principali cause di mestruazioni dolorose.

 

Ecco alcune considerazioni osteopatiche in rapporto a specifiche problematiche femminili del piccolo bacino

Premessa

Considerando gli stretti rapporti anatomici è importante valutare l’apparato riproduttore (Utero, Vagina, Tube Ovariche, Ovaie) assieme all’apparato escretore (Reni, Ureteri, Vescica, Uretra) e all’apparato digerente (in particolare Intestino Tenue e Colon).

In ambito ginecologico è necessaria un’anamnesi dettagliata, ricca di descrizioni, e devono essere specificate età, professione e abitudini, anamnesi familiare, frequenza e durata mestruale, episodi infettivi, aborti, problemi ostetrici chirurgici e addominali, disturbi urinari e intestinali.

 

Dismenorrea:

Dopo aver chiarito se il disturbo è primario (dal menarca) o secondario è necessario stabilire se il dolore è premestruale, intermestruale o postmestruale:

  • Premestruale à si verifica dall’inizio del flusso (dolore intenso e di breve durata) o compare 24 ore prima per poi scomparire quando il flusso è già consistente. Questo tipo di dolore è legato in genere alla congestione venosa delle aree genitali dovute a squilibri ormonali o spasmi intestinali, durante la fase luteinica.
  • Intermestruale à compare a metà del flusso, si intensifica verso la fine e scompare con il cessare del flusso. Questo dolore può verificarsi in concomitanza di endometriosi, come anche di problemi meccanici alle inserzioni uterine o di ptosi.
  • Postmestruale à ha inizio quando il flusso è quasi alla fine e può durare anche alcuni giorni. Può essere anche secondario ad endometriosi, ma soprattutto occorre verificare la presenza di infezioni e disturbi meccanici lombari.

Amenorrea

Si tratta di una disfunzione la cui causa risiede spesso in disturbi dell’asse neuro-endocrino, ma non di rado fissazioni meccaniche di particolari articolazioni craniche, vertebrali e sacrali possono perturbare l’afferenza neurovegetativa ovarica, creando una conseguente inibizione funzionale dell’organo.

Dispareunia

E’ importante determinare le posizioni che causano la dispareunia, che indicheranno all’osteopata le strutture coinvolte e dunque le zone da trattare.

  • In decubito ventrale: se il dolore insorge all’inizio della penetrazione può indicare un problema uretrale, cervico-trigonale (come ptosi o cistite)o un prolasso genitale importante. Se invece il dolore emerge alla fine della penetrazione può indicare una infiammazione della cervice uterina con antiflessione e antiversione dell’utero.
  • In decubito dorsale: se il dolore insorge all’inizio indica un prolasso mentre alla fine esprime una retroversione e retroflessione dell’utero con aderenze del tessuto connettivo peri-uterino.
  • In decubito laterale: il dolore insorto durante il coito può indicare una latero-versione o latero-flessione dell’utero con lacerazione di un legamento largo (in questo caso sarà doloroso solo uno dei due decubiti laterali).        

Dispareunia e Anorgasmia possono inoltre essere provocati da una fibrosi della regione cervico-trigonale (tessuto fasciale vescico-uterino). Sono quasi sempre post-partum in seguito ad espulsione “fortemente accompagnata”. Il dolore sopraggiunge soprattutto in decubito ventrale, quando il pene si appoggia sulle inserzioni vescico-vaginali. Manipolazioni esterne sui tessuti di sospensione della vescica in questo caso risultano fondamentali.

Le turbe della libido e le anorgasmie non sono certamente sempre dovute ad una disfunzione somatica della struttura, ma se questa rende il coito doloroso, il coinvolgimento sessuale è già in partenza fortemente compromesso.

Infertilità

E’ difficile sapere con certezza se la manipolazione osteopatica può risolvere i casi di infertilità in quanto i parametri in gioco sono molto numerosi (psicologici, relazionali, ormonali, climatici ecc). Noi possiamo solamente affermare che le manipolazioni migliorano la mobilità e la motilità utero-tubo-ovarica creando condizioni favorevoli per una fecondazione.

Il ruolo del coccige:

L’articolazione sacro-coccigea è fondamentale nella comprensione e nel trattamento dei disturbi uro-genitali. Essa infatti rappresenta un vero e proprio “bilanciere” sul quale prendono inserzione i muscoli del perineo e i tessuti connettivali-legamentosi che provengono dagli organi pelvici. Il posizionamento, la mobilità e la sensibilità (dolori inclusi) del coccige dipendono dunque dalle tensioni più o meno anomale che si ripercuotono su di esso. Viceversa, mobilità e funzione organica dipendono dal corretto posizionamento sacro-coccigeo.

L’ importanza del cranio:

Il cranio, al contrario di quanto comunemente si pensa, non è una scatola rigida. Esso è composto di vari segmenti ossei articolati fra loro. Tali articolazioni, chiamate suture, consentono a questi segmenti di compiere dei piccoli movimenti. Di grande rilevanza è l’articolazione alla base del cranio tra Sfenoide e Occipite chiamata Sincondrosi Sfeno-Basilare (SSB), il vero e proprio “motore” di questo movimento ciclico intracranico che si diffonde attraverso la colonna vertebrale fino al sacro (ritmo cranio-sacrale). Una compressione o un disturbo della SSB può provocare degli ipofunzionamenti all’interno dell’asse endocrino ipotalamo-ipofisi oltre che disturbi meccanici del sacro e squilibri neurovegetativi.

Un Caso reale:

Donna, 43 anni. Si presenta per un dolore al ginocchio destro insorto da almeno tre mesi, ad esso è associata un’irradiazione pseudo-sciatica dietro al gluteo destro. Indagando con domande sistemiche emerge che la donna ha iniziato a soffrire da pochi mesi di un’incontinenza urinaria da sforzo e alcuni episodi di dispareunia. La donna ha 2 figli, e il primo parto è stato travagliato e difficile. I test osteopatici hanno rivelato:

tensione anomala dei legamenti ileo-lombari di destra, fissazione dolorosa dell’articolazione sacro-coccigea, forte tensione dei legamenti pubo-vescicali e aderenze fra corpo uterino e parte terminale dell’intestino tenue ed infine un blocco vertebrale fra la prima vertebra cervicale e la base dell’occipite.

Trattamento:

In prima seduta:

bilanciamento pressorio sui diaframmi toraco addominale e pelvico, correzione dell’articolazione sacro-coccigea e detensionamento dei legamenti pubo-vescicali, manipolazione su aderenza ileo-uterina.

Dopo 15 giorni seconda seduta:

Sblocco vertebrale Atlanto-occipitale, allungamento dei muscoli pelvi-trocanterici (in particolare medio gluteo, piriforme, e otturatore interno di destra).

Nella terza seduta di controllo avvenuta dopo 20 giorni la paziente non lamentava più dolori al ginocchio e via via sono andate sparendo le perdite urinarie da sforzo e gli episodi di dispareunia. Alla donna sono stati assegnati piccoli esercizi di ginnastica propriocettiva del pavimento pelvico e esercizi di rinforzo addominale.

Edoardo Mattone, Osteopata D.O.

Bibliografia

- Manipolazione Urogenitale, J.P. Barral, 1999, Castello Editore

- Manuale di Ostetricia e Ginecologia, A. Cardone - C. Balbi - N. Colacurci, 2006,   Piccin Nuova Libraria S.p.A.

- Le Catene Fisiologiche Vol. 2, L. Busquet, 2016, Demi Edizioni

 

 

Letto 144 volte Ultima modifica il Domenica, 16 Luglio 2017 17:14
Vota questo articolo
(0 Voti)
Super User

There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour, or randomised words which don't look even slightly believable. If you are going to use a passage of Lorem Ipsum, you need to be sure.

Altro in questa categoria: « La terza età della sessualità
JoomShaper